Ultimo aggiornamento alle 7:08
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Minacce di morte per un'auto, si attende l'esito del Riesame

Si è svolta a Catanzaro l’udienza del Tribunale del Riesame per le persone arrestate, nelle scorse settimane, dai carabinieri della Compagnia di Cosenza e della Stazione di Cosenza Nord. Si tratta …

Pubblicato il: 11/11/2014 – 15:43
Minacce di morte per un'auto, si attende l'esito del Riesame

Si è svolta a Catanzaro l’udienza del Tribunale del Riesame per le persone arrestate, nelle scorse settimane, dai carabinieri della Compagnia di Cosenza e della Stazione di Cosenza Nord. Si tratta di Marco Perna, Luca Pellicori, Ernesto Mele e Pasquale Francavilla indagati per i reati di estorsione aggravata, tentata estorsione aggravata, lesioni personali aggravate, porto e detenzione illegale di arma. Gli avvocati difensori hanno chiesto la scarcerazione degli indagati. Le indagini – coordinate dalla Procura della Repubblica di Cosenza, sotto la direzione del procuratore capo Dario Granieri e del sostituto procuratore Salvatore Di Maio –, conclusesi in appena un mese, hanno consentito di fare piena luce su due distinte vicende estorsive, tra loro intimamente collegate, di cui è stata vittima il titolare di un autolavaggio. Secondo le indagini, nello scorso luglio c’è stata un’articolata e sinergica attività intimidatoria realizzata da tutti gli indagati, attraverso pesanti minacce di morte anche con l’uso di una pistola, nonché mediante una violenta aggressione. In sintesi la persona offesa, sulla base di pregressi rapporti economici da cui sarebbero derivate asserite pretese creditorie in realtà del tutto infondate e pretestuose, è stata costretta a cedere un’autovettura del valore commerciale di ben 25mila euro; gli indagati hanno inoltre tentato di estorcere alla vittima l’ulteriore somma di 9mila euro. Le indagini svolte hanno ricevuto un impulso decisivo dalla fattiva collaborazione della persona offesa, il cui narrato è stato ampiamente corroborato da numerosi e convergenti contributi dichiarativi. Ulteriori riscontri oggettivi sono stati ottenuti dall’incrocio dei dati provenienti dai tabulati telefonici, dagli esiti dell’attività di intercettazione e dall’acquisizione di varia documentazione.

In sede di esecuzione delle misure, disposte dal gip del Tribunale di Cosenza, si è proceduto al sequestro dell’autovettura sottratta alla vittima, rinvenuta nella disponibilità di uno degli indagati. Nel corso delle perquisizioni locali e domiciliari nei confronti di tutti gli indagati è stato altresì sequestrato un ingente quantitativo di sostanza stupefacente del tipo cocaina e una pistola illegalmente detenuta. Per gli inquirenti, l’operazione dimostra che quando il cittadino, vittima di un reato, trova la forza e il coraggio di non sottomettersi alle richieste estorsive e decide di avere fiducia nell’operato delle forze dell’ordine e della magistratura, la risposta delle istituzioni è pronta e immediata.

Nel corso dell’udienza del Tribunale della libertà il pm Salvatore Di Maio ha ripercorso le attività di indagine e ha ribadito i reati contestati agli indagati. Si attende l’esito del Riesame nei prossimi giorni. 

 

Mirella Molinaro

m.molinaro@corrierecal.it

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x