Ultimo aggiornamento alle 8:59
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

«I Mancuso minacciarono di morte i bambini»

VIBO VALENTIA Minacce di morte rivolte anche ai bambini, pestaggi selvaggi e persino minacce di stupro. Questi i metodi coercitivi del clan Mancuso di Limbadi raccontati dinanzi al Tribunale di Vib…

Pubblicato il: 11/03/2015 – 14:17
«I Mancuso minacciarono di morte i bambini»

VIBO VALENTIA Minacce di morte rivolte anche ai bambini, pestaggi selvaggi e persino minacce di stupro. Questi i metodi coercitivi del clan Mancuso di Limbadi raccontati dinanzi al Tribunale di Vibo Valentia – come riportato dall’Agi – dall’imprenditrice e testimone di giustizia vibonese Francesca Franzè, chiamata oggi a deporre nel processo nato dall’operazione antimafia “Black Money” del marzo 2013. Sottoposta ad usura da parte del clan Mancuso, Francesca Franzé ha raccontato l’odissea vissuta insieme al marito Giuseppe Grasso, pure lui imprenditore e testimone di giustizia.

«Abbiamo pagato al clan Mancuso – ha raccontato – cifre esorbitanti per migliaia di euro di interessi ad usura su un prestito di 40mila e siamo stati costretti ad assumere nelle nostre imprese elementi del clan che però non venivano mai a lavorare ma solo a ritirare lo stipendio. Giovanni Mancuso minaccio di morte me, mio marito ed i nostri bambini se non avessimo pagato i debiti. I Mancuso mi dissero inoltre che prima mi avrebbero violentata e poi buttata in un fosso». La donna si sarebbe così rivolta al boss Antonio Mancuso (imputato del processo e già condannato in via definitiva in altri procedimenti) perché tentasse di calmare il fratello Giovanni Mancuso. Riferii a Mancuso – ha spiegato Franzè – che se non la smettevano li avrei denunciati, ma Antonio Mancuso mi disse di non permettermi perché in tal caso l’avrei pagata cara».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x