Ultimo aggiornamento alle 13:58
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Ricettazione e guida senza patente, assolto il collaboratore di giustizia Noblea

Il legale del collaboratore di giustizia, durante il processo celebrato nel Tribunale di Lauria, ha dimostrato l’estraneità del suo assistito

Pubblicato il: 24/01/2020 – 21:47
Ricettazione e guida senza patente, assolto il collaboratore di giustizia Noblea

LAGONEGRO Un inseguimento rocambolesco iniziato nei pressi del comune di Belvedere e finito a Galdo di Lauria nel potentino. Sulla macchina viaggiavano Francesco Noblea, suo fratello Kevin e una terza persona. All’alt della polizia non si sono fermati, gli agenti si sono lanciati all’inseguimento durato parecchi chilometri. I fatti risalgono al 27 agosto del 2015, ancora Francesco Noblea non era nella schiera dei collaboratori di giustizia e quell’episodio gli valse un rinvio a giudizio con l’accusa di ricettazione e guida senza patente. Sono passati 4 anni e oggi, il collaboratore assistito da Michele Gigliotti, è stato assolto con formula piena dal tribunale di Lagonegro. Michele Gigliotti, avvocato difensore di Francesco Noblea, durate il processo ha dimostrato la totale estraneità del suo assistito tanto per quanto riguarda la ricettazione del mezzo risultato poi rubato, tanto quanto l’imputazione che Francesco Noblea guidasse senza patente. È stato dimostrato, infatti, anche attraverso i resoconti della polizia intervenuta sul posto ed anche attraverso le immagini tratte dalla telecamera posta nella stazione di servizio di Galdo che Noblea non avrebbe potuto condurre il veicolo per via di un braccio rotto a causa di un incidente avvenuto pochi giorni prima. Ed inoltre che seppur al posto del conducente, l’auto nella stazione di servizio non si era mossa di un millimetro dopo che la stessa era stata portata lì dal fratello Kevin. Si conclude con l’assoluzione piena dunque questa vicenda per il collaboratore cosentino che però il prossimo mese di marzo dovrà presentarsi dinnanzi al gup di Cosenza che dovrà decidere circa il rinvio al giudizio per il procedimento “Alarico”nel quale risulta tra i principali indagati. (m.p.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x