Ultimo aggiornamento alle 13:12
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

la festa

Vibo, giovani e legalità. Falvo: «Anche la lotta alla ‘ndrangheta deve vivere di simboli» – VIDEO

Il procuratore alla cerimonia per la “Giornata Nazionale dell’Albero”. «Bisogna spingere la gente a credere nella legalità»

Pubblicato il: 23/11/2021 – 13:56
di Giorgio Curcio
Vibo, giovani e legalità. Falvo: «Anche la lotta alla ‘ndrangheta deve vivere di simboli» – VIDEO

VIBO VALENTIA «Coinvolgere anche i più piccoli nella lotta alla criminalità è importantissimo. E poi l’idea di queste gemme che partono dall’albero piantato davanti all’abitazione di Giovanni Falcone e che si diffondono su tutto il territorio nazionale è fondamentale, soprattutto qui da noi. Sappiamo quanto abbiamo bisogno di questi messaggi e di questi simboli. La mafia e la ‘ndrangheta vivono di simboli, lo sappiamo, ma anche la lotta alla ‘ndrangheta deve vivere di simboli». Questo è il messaggio del procuratore di Vibo Valentia, Camillo Falvo, a margine della cerimonia per la “Giornata Nazionale dell’Albero” che si è celebrata, questa mattina, nel cortile dell’istituto comprensivo “Don Bosco” di Vibo.  Una giornata importante e che ha visto il coinvolgimento di tanti giovani alunni ma anche di tutte le istituzioni del territorio, dalle forze dell’ordine al Prefetto e il sindaco, Maria Limardo.

«Il rispetto dell’ambiente deve partire dai più giovani»

Per il procuratore vibonese, però, quella di oggi è una giornata “simbolica” ma cruciale per il destino e il futuro dell’intera comunità vibonese perché ha detto Camillo Falvo «piantare un albero ha un doppio significato ovvero rispetto per gli altri e quello per l’ambiente, evidentemente deturpato nel corso degli ultimi anni, ma che noi stiamo cercando di curare con le indagini». «Ma – ha ricordato il procuratore – bisogna curarlo anzitutto con il rispetto da parte dei cittadini e che deve partire proprio dai più giovani».

«Saranno i più giovani a sconfiggere la criminalità»

Nel corso della cerimonia, questa mattina, i ragazzi hanno anche piantumato un albero, un passaggio significativo declinato alla lotta alla ‘ndrangheta che parte proprio dai più piccoli: «Saranno loro a sconfiggere la criminalità ma sarà un processo lungo. Noi – ha ricordato il procuratore Camillo Falvo – abbiamo iniziato questo percorso proprio quando è stato piantato l’albero davanti all’abitazione di Falcone e abbiamo fatto passi da gigante, gli stessi passi da gigante che stiamo cercando di fare in Calabria, con fatica, e nel territorio Vibonese dove in parte sono già stati fatti». Il procuratore di Vibo Valentia ha poi ricordato che «bisogna concludere quest’opera continuando nell’attività di repressione, ma soprattutto spingendo la gente a credere nella legalità. Sono però sicuro che saranno loro, questi giovani, a concludere questo processo. Spero e mi auguro che questi ragazzi del territorio vibonese non vivranno l’esistenza della criminalità organizzata come l’abbiamo vissuta noi». (redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb