Ultimo aggiornamento alle 11:01
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

L’invito

Stabilizzazioni Lsu-Lpu, Bruni: «La Regione intervenga»

Interrogazione della leader dell’opposizione a Palazzo Campanella: «Lavoratori lasciati soli al loro destino»

Pubblicato il: 10/08/2022 – 12:10
Stabilizzazioni Lsu-Lpu, Bruni: «La Regione intervenga»

REGGIO CALABRIA «Lasciati soli e abbandonati al loro destino senza che la Regione intervenga per risolvere un problema di diritti e di dignità dei lavoratori Lsu e Lpu e per questo ho presentato un’interrogazione». Lo scrive in una nota Amalia Bruni, leader dell’opposizione in consiglio regionale che aggiunge: «La legge n. 390 del 24 luglio 1981 ha convertito con modificazioni il D.L. 28 maggio 1981 n.244 concernente ulteriori interventi straordinari di integrazione salariale in favore dei lavoratori delle aree del Mezzogiorno in opere di Lavori socialmente utili e Lavori pubblica utilità».
«Nel 1996 in Calabria nelle varie sedi (Comuni, Province e Regione) – ricorda Bruni – furono avviati i primi progetti Lsu e a seguire nel 1998 i primi progetti Lpu con differenti riconoscimenti contributivi. Nel 2007 la Giunta regionale ha avviato, ai sensi della L.R. n. 9 del 2007, la procedura di stabilizzazione dei lavoratori Lsu e Lpu (conclusa nel 2012) garantendo loro l’accesso ai ruoli regionali e inquadrandoli nella categoria B secondo le modalità previste dall’art. 16 della legge n. 56/1987 che richiede il solo requisito della scuola dell’obbligo per l’accesso al pubblico impiego».
«Ad oggi gli ex Lsu-Lpu stabilizzati dall’Amministrazione regionale – prosegue la leader dell’opposizione – svolgono mansioni di categoria B nonostante molte di queste unità siano in possesso della laurea e di competenze acquisite nel tempo. Questi lavoratori svolgono in regione funzioni di istruttoria, redazione e liquidazione degli atti burocratrici fondamentali per la macchina amministrativa regionale. E come al solito una situazione che doveva essere temporanea è diventata definitiva con numeri sempre più grandi perché a partire dal 01 agosto 2015 il bacino Lsu/Lpu della regione Calabria è notevolmente aumentato a seguito della riforma in materia di enti locali avviata con la legge Delrio che ha portato alla ridefinizione delle funzioni tra province e Regione stabilendo contestualmente l’allocazione delle risorse umane».
«Si tratta di lavoratori – spiega Bruni – che sono in attesa da diversi anni dell’attivazione delle procedure di riqualificazione per la valorizzazione dell’esperienza professionale effettivamente maturata».
«Ho quindi chiesto di conoscere quali sono le azioni poste in essere per preservare i diritti e la dignità del bacino di ex LSU/LPU attualmente in servizio presso l’ente Regione – conclude Bruni – se sono state avviate le procedure selettive per le progressioni verticali previste dal Piano assunzionale per l’anno 2022 e nel caso in cui non siano state avviate quando lo saranno. E infine se entro il triennio di vigenza del Piano saranno esaurite tutte “le progressioni verticali” del bacino interessato».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x