Ultimo aggiornamento alle 9:48
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

l’intervento

Occhiuto: «Auspico che questo governo cambi passo nell’infrastrutturazione del Sud, diamogli tempo»

Il governatore a Tagadà: «Ponte distrazione di massa? Vedremo. Salvini è molto determinato. Tema rinnovabili da legare ai benefici sui territori»

Pubblicato il: 10/11/2022 – 18:51
Occhiuto: «Auspico che questo governo cambi passo nell’infrastrutturazione del Sud, diamogli tempo»

CATANZARO Autonomia differenziata, energia, infrastrutture con particolare riferimento al Ponte sullo Stretto, e infine immigrazione. Sono stati questi i temi affrontati dal presidente della Regione Calabria Roberto Occhiuto nel corso della trasmissione di La7 Tagadà condotta da Tiziana Panella.

Autonomia e politiche energetiche

Quanto all’autonomia, secondo Occhiuto «è una tendenza che è praticata sia a destra sia a sinistra e in ogni parte d’Italia: “non nel mio giardino”, sostanzialmente. È una vera e propria sindrome. Il modo migliore per sconfiggere questa sindrome è quello di legare il beneficio degli investimenti nelle rinnovabili al territorio e ai cittadini di quel territorio. La mia regione produce il 42% di energia da fonti rinnovabili, la Lombardia il 13%, il Veneto il 16%: se io aggiungo quello che si produce in Calabria, dall’idroelettrico e altre fonti non fossili,  in Calabria si produce molta più energia di quanto non se ne consumi, però i cittadini calabresi pagano la stessa bolletta dei cittadini veneti o lombardi. Io – ha rilevato Occhiuto – questo lo spiego anzitutto al governo, che è il mio governo e sta lavorando benissimo, e vorrei che il mio governo legasse gli investimenti nelle rinnovabili ai benefici per i cittadini di quel territorio. A esempio, io tra qualche settimana dovrei incontrare un gruppo che vuole fare un impianto di eolico offshore nella mia regione, lo incontrerò e magari gli dirò che lo aiuto a farlo, ma non posso dire alle popolazioni che ospiteranno questo impianto che avranno beneficio a ospitarlo. Se si facesse questo, allora i territori avrebbero gli effetti negativi, che vanno compensati, sia quelli positivi legati alla fiscalità che rimarrebbe sul territorio, allora si incentiverebbero davvero gli investimenti nell’energia rinnovabile».

Ponte sullo Stretto e infrastrutture

Occhiuto si è poi soffermato sul tema delle infrastrutture, diventato centrale dopo il vertice con il ministro Salvini sul Ponte sullo Stretto, molto contestato (da ultimo da Di Battista). «Quando si doveva fare l’Autostrada del Sole – ha ricordato il presidente della Regione – molti dicevano: “ma pensate all’autostrada quando non ci son le strade di collegamento tra un paese e un altro”. Siccome si fece l’autostrada, poi si fecero anche le strade di collegamento. A volte le grandi infrastrutture sono attrattori. Poi, io governo una regione che ha al suo interno il primo porto d’Italia e il terzo dell’Europa, Gioia Tauro. In questi mesi è cresciuto moltissimo, oggi si fanno 3,6 milioni e mezzo di container, più di quelli di Genova e Trieste messi insieme. Il Mediterraneo sta diventando davvero centrale: allora se vogliamo fare del Mezzogiorno l’hub dell’Europa nel Mediterraneo una infrastruttura così importante diventa strategica. È chiaro che servono anche le altre cose. Io ho chiesto a Salvini di fare un grande investimento sulle altre strade importanti, come la Statale 106 ionica che è definita la strada della morte da 20 anni. Ponte distrazione di massa? Lo vedremo. Di Battista è un abile opinionista, ma mi pare che si iscriva a quel gruppo di persone che vorrebbero che nulla di facesse, che tutto fosse impossibile. Io ho visto il ministro Salvini molto determinato. Ho chiesto a Salvini di fare un gruppo di lavoro con i presidenti delle Regioni su tutte le infrastrutture che servono alla Calabria e alla Sicilia, il mio auspicio è che questo governo possa davvero cambiare passo sull’infrastrutturazione del Mezzogiorno. Stiamo a vedere, questo governo – ha aggiunto Occhiuto – ha appena cominciato, io darei tempo a un governo che finalmente ha  una maggioranza omogenea  e le cose forse può farle meglio che in passato».

Immigrazione

Infine, il capitolo immigrazione. «Nella mia regione – ha ricordato Occhiuto – quest’anno abbiamo accolto 11mila migranti. C’è un Comune bellissimo, Roccella, che è stato interessai da 66 sbarchi. Non abbiamo mai fatto  polemica, abbiamo fatto l’accoglienza con i prefetti e gli altri livelli istituzionali, perché la Calabria è una regione che negli anni ha subito l’emigrazione. Quando emigravano i calabresi però l’emigrazione in quei paesi era governata. Il tema oggi è che nel nostro Paese l’immigrazione non è più governata. È un anno che sono presidente, ogni volta che sono arrivati immigrati non ho mai polemizzato, ho chiesto al governo di aiutarmi, l’ho fatto anche in silenzio, però è giusto che l’Italia si faccia sentire. È un negoziato difficile con l’Europa, m non si può dire che l’Europa abbia aiutato l’Italia che è frontiera nel Mediterraneo. Trovo singolare – ha infine osservato il governatore della Calabria – che ci siano esponenti politici che addirittura festeggiano quando ci sono dichiarazione ime quel francesi. Ebbene, noi dovremmo essere tutti unti, al di là del colore politico del governo, nel sostenere le ragioni dell’Italia, perché se siamo i primi a dire che l’Europa ha ragione quando non si impegna ad aiutare l’Italia non stiamo facendo un bel servizio al nostro Paese».  (redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x