Ultimo aggiornamento alle 13:21
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’intervento

«L’istituzione del Coordinamento per la salute mentale è un importante passo avanti verso la sanità partecipata»

Il portavoce di “Comunità competente”, Curia, esprime apprezzamento per l’ultimo decreto del commissario Occhiuto

Pubblicato il: 25/03/2023 – 9:08
«L’istituzione del Coordinamento per la salute mentale è un importante passo avanti verso la sanità partecipata»

LAMEZIA TERME  «L’istituzione del  “Coordinamento regionale per la salute mentale in età evolutiva e adulta”, con il Dca 91 del 22 marzo 2023, è un importante passo verso quella “sanità partecipata” per cui si batte Comunità Competente da quando è nata il primo luglio del 2019». Lo afferma Rubens Curia, portavoce di Comunità competente.   «Infatti  – ricorda Curia – una delegazione di Comunità Competente aveva   consegnato, presso la Cittadella il 25 febbraio 2022, al Presidente Occhiuto, al subcommissario Esposito e alla Dirigente del Dipartimento Fantozzi un documento dove, tra l’altro, chiedevamo in merito alla Salute Mentale l’apertura del Rems di Girifalco e l’Istituzione della Consulta della Salute Mentale, questa richiesta venne ribadita nel documento conclusivo della prima Conferenza regionale sulla salute mentale organizzata dalle Associazioni che tenemmo il 4 aprile 2022 presso la Cittadella a cui parteciparono sia Occhiuto che Esposito.  Nell’autunno scorso è stato attivato un modulo di 20 posti letto nel Rems presso Girifalco ed il 22 marzo scorso  è stato pubblicato il Dca  che istituisce Il ‘Coordinamento della salute mentale’ che prevede, tra le altre, la presenza di molte di quelle associazioni e del Terzo Settore che  organizzarono la ” Conferenza”. E’ molto importante il mandato che ha la Consulta, infatti dovrà: A) elaborare il Piano d’azione regionale per la salute mentale; B) ridefinire la rete socioassistenziale a sostegno dei soggetti con disturbi mentali e delle loro famiglie;  C) progettare attività per garantire l’inclusione sociale, scolastica e lavorativa dei soggetti con disturbi mentali; D) elaborare un report annuale che verifichi l’attuazione delle attività suindicate.  “Il Coordinamento” – conclude Curia – è un’agorà con esperienze e competenze diverse in cui si dovrà lavorare molto per dare le giuste risposte che i pazienti e le loro famiglie attendono da molti anni. Ringraziamo il presidente Occhiuto, il subcommissario Esposto e la dirigente Fantozzi per la sensibilità dimostrata». 

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x