Ultimo aggiornamento alle 9:16
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

dal mondo

Medio Oriente, crisi di governo in Cisgiordania

Il primo ministro Shtayyeh ha presentato le proprie dimissioni al presidente Abu Mazen

Pubblicato il: 26/02/2024 – 12:12
Medio Oriente, crisi di governo in Cisgiordania

Il primo ministro palestinese Mohammad Shtayyeh ha annunciato che il suo esecutivo, che governa alcune parti della Cisgiordania, ha presentato le dimissioni, affermando che sono necessarie “nuove misure politiche” di fronte alla realtà in evoluzione a Gaza. “Presento le dimissioni del governo al signor Presidente Abu Mazen”, ha detto Shtayyeh, aggiungendo che ciò avviene sulla scia degli “sviluppi legati all’aggressione contro la Striscia di Gaza e all’escalation in Cisgiordania e Gerusalemme”. Ha detto di aver comunicato le dimissioni ad Abu Mazen martedì scorso, ma di averle presentate formalmente “per iscritto” oggi. La leadership dell’Anp ha dovuto affrontare una rabbia crescente da quando è scoppiata la guerra il 7 ottobre tra Israele e Hamas, con molti che hanno criticato il presidente palestinese per non aver condannato più severamente l’offensiva israeliana lì e la crescente violenza in Cisgiordania. Dal 2007, la leadership palestinese è divisa tra l’Autorità Palestinese di Abbas, che esercita un potere limitato in Cisgiordania, e Hamas che governa Gaza. Le dimissioni del governo in Cisgiordania arrivano mentre diversi Paesi, compresi gli Stati Uniti, hanno chiesto un’Autorità Palestinese riformata che si assumerebbe la responsabilità di tutti i territori palestinesi dopo la fine della guerra a Gaza. “La prossima fase e le sue sfide richiedono nuove misure governative e politiche che tengano conto della nuova realtà nella Striscia di Gaza”, ha detto Shtayyeh in un breve discorso, annunciando le dimissioni. Ha chiesto il consenso inter-palestinese e “l’estensione del dominio dell’Autorità (palestinese) sull’intera terra di Palestina”. Secondo il ministero della Sanità di Ramallah, truppe e coloni israeliani hanno ucciso almeno 400 palestinesi in Cisgiordania dall’inizio della guerra a Gaza. “Il governo è stato in grado di raggiungere un equilibrio tra la soddisfazione dei bisogni della nostra gente e la fornitura di servizi”, ha affermato Shtayyeh, il cui gabinetto è in carica dal 2019, “Rimarremo in conflitto con l’occupante e continueremo a lottare per stabilire uno Stato sulle terre della Palestina” Non è ancora chiaro se Abu Mazen accetterà immediatamente le dimissioni o aspetterà la nomina di un nuovo primo ministro. I media palestinesi hanno riferito che potrebbe nominare Mohammed Mustafa, membro del comitato esecutivo dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina. Mustafa ha precedentemente ricoperto il ruolo di vice primo ministro e consigliere senior di Abu Mazen per gli affari economici.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x