Ultimo aggiornamento alle 22:43
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la richiesta

Femminicidio di Sara Buratin, «immediata tutela della figlia della donna uccisa»

Lo afferma Bo Guerreschi, presidente dell’Ong internazionale “bon’t worry”, che assiste sul piano legale e psicologico le vittime di violenza e abuso

Pubblicato il: 28/02/2024 – 21:28
Femminicidio di Sara Buratin, «immediata tutela della figlia della donna uccisa»

«L’uccisione della giovane mamma Sara Buratin a Bovolenta, nel Padovano, è l’ennesima riprova di un’emergenza nazionale ancora sottovalutata: le donne vivono in uno stato di pericolo costante e al momento non esistono misure realmente efficaci per proteggerle e promuovere la cultura del rispetto della libertà umana». Lo afferma, in una nota, Bo Guerreschi, presidente dell’Ong internazionale “bon’t worry”, che a titolo gratuito assiste sul piano legale e psicologico le vittime di ogni forma di violenza e di abuso. «Ci sconvolge l’efferato assassinio di Sara, ammazzata con almeno 20 coltellate, che ha lasciato una figlia minorenne, la quale va subito protetta e seguita. Chiediamo, pertanto, che il sistema pubblico si attivi nell’immediato, garantendo alla ragazza tutto il sostegno di cui ha bisogno». «Il brutale omicidio di Sara conferma – accusa la presidente di “bon’t worry” – l’esistenza di una dominante cultura aggressiva e distruttiva, da contrastare a più livelli, a partire dalla formazione scolastica. La prevenzione di questi fatti, che non dovrebbero mai accadere, è ancora insufficiente e lasciata alla buona volontà dei singoli, delle associazioni di tutela o, per la parte educativa, delle scuole attente e responsabili. Servono strumenti normativi adeguati all’emergenza ed è prioritario rafforzare la rete di protezione delle donne, costrette a subire, oltre alla violenza quotidiana, gli effetti – conclude Guerreschi – dell’omertà e dell’indifferenza generale, oltre che i rischi, molto spesso, del mancato funzionamento del braccialetto elettronico di sorveglianza nei casi di stalking, che abbiamo più volte denunciato, finora inascoltati».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x