Ultimo aggiornamento alle 8:45
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’iniziativa

Giochiamo d’anticipo | Novelli: «Lo sport è il farmaco più importante per prevenire le malattie»

L’ordinario della facoltà di Genetica all’università Tor Vergata di Roma: «Bastano 450 minuti di esercizio fisico a settimana»

Pubblicato il: 24/05/2024 – 13:14
Giochiamo d’anticipo | Novelli: «Lo sport è il farmaco più importante per prevenire le malattie»

REGGIO CALABRIA «Giocare d’anticipo quando si parla di sport è importantissimo, noi tutti sappiamo che qualunque cosa sviluppiamo viene fuori in realtà da ciò che siamo e abbiamo dentro». Lo ha detto Giuseppe Novelli, Ordinario di Genetica alla Tor Vergata di Roma, tra gli ospiti di “Giochiamo d’Anticipo”, iniziativa con cui il Corriere della Calabria prosegue il suo impegno, promuovendo iniziative di sensibilizzazione e informazione, in programma da oggi e fino al 29 maggio nella storica cornice del Palazzo della Facoltà di Agraria dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria.
«Il punto è che ognuno di noi nasce con quello che una volta Camilleri definiva come una specie di gioco di carte che ti porti dietro, quindi tutto dipende da come te le giochi». Secondo Novelli, quindi, «è chiaro che il nostro Dna non si può cambiare, però possiamo conoscerlo e modificare alcune cose, a cominciare da quello che noi chiamiamo l’epigenetica. Che cos’è? È il vestito che indossano i geni e che noi possiamo cambiare con l’esercizio fisico. E oggi abbiamo scoperto che il vestito più facilmente da indossare e da togliere è l’esercizio fisico, che è un farmaco importantissimo, forse il più importante».
«Come agisce questo farmaco? – si chiede Novelli – per anni abbiamo detto che l’esercizio fisico fa bene, finalmente abbiamo le prove, quelle biologiche e documentate che effettivamente riduce l’infiammazione, modella il muscolo e favorisce tutta una serie di processi che sono importanti per prevenire le malattie croniche degenerative come il diabete, l’obesità e il cancro».
Infine, a proposito di prevenzione e comunicazione, Novelli ha spiegato: «Un messaggio chiaro è quello che danno gli americani, ho visto recentemente, sono stato ad un convegno: bastano 450 minuti di esercizio fisico a settimana per aumentare la vita media di 4 anni. Io penso che questo sia il messaggio più semplice e chiaro che possiamo dare». (redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x