Ultimo aggiornamento alle 14:54
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

L’inchiesta

Bancarotta fraudolenta, arrestato il fratello del deputato di FdI Donzelli

Avrebbe distratto beni di una società a suo favore. Il parlamentare non è coinvolto nell’inchieta della Procura di Firenze

Pubblicato il: 13/10/2022 – 19:21
Bancarotta fraudolenta, arrestato il fratello del deputato di FdI Donzelli

FIRENZE Arrestato il fratello del deputato di Fdi Giovanni Donzelli, Niccolò, nell’ambito di un’inchiesta del pm Luca Turco della procura di Firenze su una bancarotta fraudolenta. A Niccolò Donzelli sarebbe contestata, secondo le prime indiscrezioni di cui è venuta a conoscenza l’Adnkronos, una distrazione patrimoniale a proprio favore. Al contrario del fratello parlamentare, Niccolò Donzelli non ha mai ricoperto incarichi nel partito di Giorgia Meloni, ed anzi viene considerato vicino ad ambienti fiorentini di centrosinistra.

L’inchiesta

Una “squadra di intervento”, composta da prestanome e professionisti, per ‘l’ultimo miglio’ prima della dichiarazione di fallimento, non per individuare soluzioni meno dannose per la società avviata alla procedura concorsuale e per l’imprenditore, bensì per nascondere le distrazioni, occultare il dissesto, compiere ulteriori atti distrattivi. E’ l’ipotesi accusatoria che emerge da un’inchiesta su più bancarotte, condotta dagli investigatori della Guardia di Finanza di Firenze e coordinata dalla Procura del capoluogo toscano. L’indagine ha portato all’arresto di cinque persone, di cui due in carcere e tre ai domiciliari, e a misure interdittive – tra cui il divieto di esercizio della professione di commercialista, di avvocato, di ricoprire uffici direttivi e di controllo di persone giuridiche – per altri sette indagati.

Gli altri arresti

Tra gli arrestati figura anche l’imprenditore Niccolò Donzelli, condotto nel carcere di Sollicciano. Secondo quanto emerso nel corso delle indagini, i soggetti coinvolti, ovvero amministratori di società, prestanome, professionisti, con la presunta attività illecita avrebbero ottenuto guadagni, mentre sarebbero derivati danni per i creditori e l’Erario. Gli accertamenti, spiega una nota, hanno riguardato le procedure fallimentari relative a Antiche tipografie srl già Artigraf Toccafondi, Aria Advertising, Paint srl già Grifoni Vittorio, Gardner & co srl, I pioppi srl già Pescale sp.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x