Ultimo aggiornamento alle 23:22
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il personaggio

La Slovacchia sceglie il putiniano Fico. E riappare il fantasma di Kuciak

Il leader riprende i voti persi dopo le proteste per l’omicidio del giornalista (con la ‘ndrangheta sullo sfondo)

Pubblicato il: 01/10/2023 – 14:55
La Slovacchia sceglie il putiniano Fico. E riappare il fantasma di Kuciak

Robert Fico, dell’ex presidente della Camera ed esponente del Movimento 5 Stelle, ha solo il nome ma non le idee. Le elezioni che si sono tenute in questi giorni in Slovacchia hanno decretato il suo inatteso successo (il partito che rappresenta, lo Smer-Ds, ha ottenuto il 23 per cento dei consensi). Non sarà semplice, però, formare un nuovo governo. Se dovesse farcela, per lui sarà la quarta volta da premier. Classe 1964, simpatizzante putiniano e contrario all’invio di armi all’Ucraina, Fico ha battuto i liberali dell’eurodeputato progressista Michal Simecka ritrovando la fiducia di gran parte di quegli elettori che nel 2018 protestarono in piazza contro di lui dopo l’omicidio del giornalista Jan Kuciak (e della sua fidanzata) che indagava sui rapporti tra la politica di governo e la ‘ndrangheta.

Kuciak con la fidanzata

L’inchiesta di Kuciak

Il giornalista 27enne, prima di essere assassinato a colpi d’arma da fuoco insieme alla sua compagna, stava lavorando a un’inchiesta su presunti rapporti tra imprenditori italiani legati alla ‘ndrangheta e politici slovacchi. Quell’inchiesta venne pubblicata poi postuma e non completa. La principale pista investigativa della polizia slovacca sull’omicidio di Kuciak aveva portato a Bova Marina, nel Reggino, da dove diversi elementi legati alla ‘ndrangheta partirono anni fa verso l’est Europa. La polizia aveva arrestato sette cittadini italiani che il giovane cronista accusava di avere rapporti con la ‘ndrangheta e di gestire milioni di euro di fondi comunitari. In carcere erano finiti l’imprenditore Antonino Vadalà, il fratello Bruno, il cugino Pietro Catroppa e poi ancora Sebastiano Vadalà e Antonio e Diego Roda. A far partire l’inchiesta del cronista era stata in special la posizione di Antonino Vadalà che, tra le varie attività svolte, operava nel settore del fotovoltaico. L’imprenditore, secondo Kuciak, aveva intrapreso da tempo rapporti poco chiari con Maria Troskova, primo consigliere di Stato di Fico. Alla fine, tutte e sette le persone arrestate, furono rilasciate per mancanza di prove. (f. v.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x