Ultimo aggiornamento alle 21:07
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la polemica

La sorella di Giulia Cecchettin contro Salvini: «Violenza di Stato»

«Ministro dubita della colpevolezza di Turetta perché bianco e di buona famiglia?»

Pubblicato il: 19/11/2023 – 16:24
La sorella di Giulia Cecchettin contro Salvini: «Violenza di Stato»

ROMA «Ministro dei Trasporti che dubita della colpevolezza di Turetta perché bianco, perché “di buona famiglia”. Anche questa è violenza, violenza di Stato». Lo scrive in una storia su Instagram la sorella di Giulia Cecchettin, Elena, commentando il post di Matteo Salvini in cui scrive, riferendosi all’arresto di Filippo Turetta in Germania (accusato dell’omicidio di Giulia Cecchettin), “se colpevole, nessuno sconto di pena e carcere a vita”. Nella storia, Elena cita un post della scrittrice e attivista Carlotta Vagnoli nel quale quest’ultima ricorda che la Lega «insieme a FdI, che però ha scelto l’astensione, a maggio ha votato contrariamente alla ratificazione della convenzione di Istanbul». «Così – conclude -, nel caso voleste altri motivi per comprendere quanto il femminicidio sia un omicidio di Stato». In una storia successiva, invece, Elena Ceccettin invita i suoi follower a partecipare alla manifestazione indetta per domani alle 19:30 a Porta Portello, a Padova, contro la violenza sulle donne e durante la quale sarà anche ricordata Giulia.

L’appello per Carol Bugin, la 16enne scomparsa a Mestre

Sempre sui social la sorella di Giulia Cecchettin, Elena, ha rilanciato l’appello dei familiari di Carol Bugin, ragazza di 16 anni sparita a Mestre. Nel post, che mostra una foto della giovane, c’è il commento di Elena Cecchettin: «Vi prego, non di nuovo». Bugin è stata vista l’ultima volta entrare in un bar sotto i portici alla stazione. «Scomparsa da Mestre giovedì 16 alle 13. La madre l’ha chiamata alle 10.45, Carol si trovava da un’amica di Spinea, poi si sono spostate a Mestre. L’amica l’ha persa di vista perché Carol si è allontanata. Ha informato la madre che è giunta sul posto, l’hanno vista entrare al bar Enjoy sotto i portici alla stazione (ultimo avvistamento)», scrive ancora Elena sui social. 

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x