Ultimo aggiornamento alle 21:23
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

l’operazione

Droga da Olanda e Spagna per le piazze del Napoletano: rifornimenti anche in Calabria

Nel blitz arrestate 29 persone. Individuati canali di approvvigionamento nella nostra regione

Pubblicato il: 16/01/2024 – 10:06
Droga da Olanda e Spagna per le piazze del Napoletano: rifornimenti anche in Calabria

Blitz contro il narcotraffico internazionale dei Carabinieri e della Dda di Napoli, che hanno sgominato due associazioni a delinquere che importavano droga dall’Olanda e dalla Spagna per le piazze di spaccio più fiorenti del Napoletano, tra cui quella del Parco Verde di Caivano. Complessivamente sono state eseguite 29 misure cautelari. La Procura ipotizza a vario titolo i reati di associazione per delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti nonché detenzione di droga ai fini di spaccio. Le due bande avevano a disposizione per i loro traffici armi da fuoco e veicoli dotati di un sofisticato “sistema di occultamento”. Durante queste indagini, inoltre, è stato catturato a Dubai il latitante Bruno Carbone (stretto collaboratore del narcotrafficante internazionale Raffaele Imperiale e come quest’ultimo ora collaboratore di giustizia) e sequestrato di circa un quintale di sostanza stupefacente di vario tipo, armi da fuoco, le autovetture dotate di “sistema di occultamento”, un ordigno esplosivo e centinaia di munizioni di vario calibro.
Per trasferire la droga senza destare sospetti veniva utilizzata anche un’ambulanza dai narcotrafficanti di uno dei due gruppi criminali sgominati oggi dai carabinieri e dalla Dda di Napoli che hanno eseguito complessivamente 29 misure cautelari. Il gruppo in questione era capeggiato dai fratelli Vincenzo e Salvatore Della Monica e da Michele Nacca che, in segno di rispetto, si era fatto tatuare su una spalla le iniziali dei narcos Imperiale, Carbone e Mauriello, elemento che ha anche contribuito alla sua identificazione. L’ambulanza veniva usata, sostengono gli inquirenti, per spostare hashish e cocaina nei depositi presenti sul territorio. A capo dell’altro gruppo finito al centro dell’indagine c’era invece il triumvirato composto da Simone Bartiromo (al quale sono stati sequestrati dei pizzini su cui era stata annotata la contabilità), Roberto Merolla e Giovanni Cortese, il quale teneva in piedi anche canali di approvvigionamento con la Calabria. Per tutti i capi il gip Maria Laura Ciollaro ha disposto il carcere. Determinante, per fare luce sull’esistenza delle due bande, è stato il monitoraggio del narcotrafficante Bruno Carbone, socio in affari del narcos Raffaele Imperiale, come lui oggi collaboratore di giustizia, arrestato in Siria e all’epoca dei fatti residente a Dubai da dove si teneva in contatto con i suoi sodali utilizzando i criptotelefonini EncroChat e il sistema Sky-Ecc. A vìolare la sicurezza di questi dispositivi (il cui uso è venuto alla luce nel corso di una maxioperazione coordinata da Europol e condotta dalle forze dell’ordine di Francia, Olanda e Gran Bretagna) sono state le polizie di Francia e Olanda. Ad utilizzare il sistema era il gruppo riconducibile ai fratelli Della Monica e a Nacca, come emerge da una intercettazione agli atti. (ANSA)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x