Ultimo aggiornamento alle 12:41
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

lo studio

Farmaco per il diabete efficace contro la progressione del Parkinson

Si tratta del lixisenatide. Secondo uno studio, rallenterebbe i sintomi motori della malattia

Pubblicato il: 06/04/2024 – 7:42
Farmaco per il diabete efficace contro la progressione del Parkinson

l lixisenatide, un farmaco per il diabete, si è dimostrato efficace nel rallentare la progressione dei sintomi motori in pazienti affetti dalla malattia di Parkinson. Lo rivela uno studio internazionale, pubblicato sul New England Journal of Medicine. Secondo la Parkinson’s Foundation, più di 10 milioni di persone in tutto il mondo convivono con il Parkinson, una condizione in cui le cellule nervose del cervello si esauriscono nel il tempo, provocando problemi di movimento, equilibrio e memoria, tra gli altri effetti. Sebbene siano disponibili trattamenti per aiutare a gestire i sintomi, non esiste una cura. Tuttavia, negli ultimi anni gli agonisti del recettore del peptide 1 del glucagone, o agonisti del GLP-1R, hanno suscitato grande interesse. Uno di questi farmaci, un medicinale per il diabete di tipo 2, chiamato exenatide, si è rivelato in grado di rallentare la progressione dei sintomi motori in un piccolo gruppo di persone con Parkinson.

Ora, i ricercatori hanno scoperto che un altro farmaco di questo tipo, un farmaco per il diabete di tipo 2, chiamato lixisenatide, sembra fare lo stesso, sostenendo la teoria che il Parkinson potrebbe essere associato alla resistenza all’insulina nel cervello. “Dobbiamo rimanere cauti su tutte le interpretazioni e sull’applicabilità del farmaco allo stadio attuale, ma un segnale così chiaro e forte non era mai stato visto, tranne che nello studio sull’exenatide”, ha affermato Wassilios Meissner, dell’ospedale universitario di Bordeaux, ricercatore principale dello studio. Gli agonisti del GLP-1R sono diventati famosi per il loro uso nella gestione del diabete di tipo 2 e per favorire la perdita di peso, con semaglutide e liraglutide tra i farmaci più noti. Tuttavia, a differenza di exenatide e lixisenatide, questi farmaci non attraversano facilmente il cervello, il che li rende meno adatti al trattamento del Parkinson.

Nello studio, i ricercatori hanno diviso a caso 156 persone a cui era stato recentemente diagnosticato il Parkinson in due gruppi di pari dimensioni. Mentre entrambi i gruppi assumevano i consueti farmaci per il Parkinson, a un gruppo è stata somministrata un’ulteriore iniezione giornaliera di lixisenatide, mentre all’altro è stato somministrato un placebo. Prima, durante e dopo lo studio, i partecipanti sono stati sottoposti a un esame dei sintomi motori e hanno ricevuto un punteggio su una scala che misurava la gravità della malattia. I risultati hanno mostrato che, dopo 12 mesi, i soggetti a cui era stata somministrata la lixisenatide non avevano mostrato sostanzialmente alcuna progressione dei problemi motori, mentre quelli a cui era stato somministrato il placebo avevano mostrato un peggioramento dei sintomi, scendendo di circa tre punti sulla scala di valutazione di 132 punti, una differenza modesta, ma ritenuta clinicamente significativa. La disparità è rimasta a due mesi dopo l’interruzione dello studio e la sospensione di altri farmaci per il Parkinson.

Questo, secondo i ricercatori, suggerisce che la lixisenatide non si limita a ridurre i sintomi, ma protegge il cervello dalla perdita di neuroni. Tuttavia, c’è stato un inconveniente: circa la metà dei partecipanti che hanno ricevuto la lixisenatide ha manifestato nausea e il 13% vomito. I ricercatori sottolineano che ora è necessario un ulteriore lavoro per capire se la lixisenatide rallenta effettivamente la progressione della malattia, se i benefici persistono nel tempo o addirittura aumentano se il farmaco viene somministrato più a lungo, la dose migliore e se il farmaco può offrire benefici a persone in altri stadi del Parkinson. “I nuovi risultati dello studio clinico sulla lixisenatide, che mostrano una riduzione significativa della progressione dei sintomi motori rispetto al gruppo placebo, rappresentano un passo avanti molto promettente ed entusiasmante nella nostra lotta di ricerca per portare in clinica nuovi farmaci per il Parkinson”, ha dichiarato Heather Mortiboys, professore di neuroscienze cellulari e metabolismo presso l’Università di Sheffield, che non ha partecipato al lavoro. “Lo studio dà maggior peso a tutti i risultati attuali che dimostrano che questa classe di farmaci, gli agonisti del GLP-1R, hanno un reale potenziale per il Parkinson”, ha concluso Mortiboys. (AGI)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x