Ultimo aggiornamento alle 14:09
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il caso

Pretende un certificato più lungo e aggredisce un medico

La vittima è dovuta ricorrere alle cure del Pronto soccorso, a causa delle percosse subite

Pubblicato il: 16/04/2024 – 16:00
Pretende un certificato più lungo e aggredisce un medico

MODENA «Chi aggredisce un medico arreca danni a se stesso e all’intera comunità, già in forte carenza di organico». Lo evidenzia il presidente dell’Ordine dei medici di Modena, Carlo Curatola, commentando l’episodio di cui è stato vittima nei giorni scorsi un medico della bassa modenese, che ha dovuto ricorrere al Pronto soccorso dell’ospedale di Mirandola a causa delle percosse subite da un paziente (che pretendeva un certificato di malattia più lungo di quello prescritto dal professionista). «Per gesti criminali come questo – scrive Curatola in una nota- chiediamo tolleranza zero e l’applicazione rigorosa delle norme vigenti. Le forze dell’ordine devono procedere d’ufficio senza aspettare la denuncia della vittima». Entrando nel merito, «ricordo che la certificazione – continua il presidente dell’Ordine dei medici territoriale – è un atto medico che non può essere contrattato. Spetta solamente al medico che si prende cura direttamente della salute del paziente formulare la prognosi. La certificazione che segue a una visita o a un intervento chirurgico è un atto medico che non può essere delegato da medico a medico, figuriamoci se può essere l’interessato a stabilire il numero di giorni di malattia». Già dal 2017 l’Ordine dei medici modenese ha istituito un osservatorio sulla violenza ai sanitari: ha ricevuto due segnalazioni nel 2019, nessuna nel 2020, 19 nel 2021, 36 nel 2022 e 12 l’anno scorso. 

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x